CORSO – Far diventare i dipendenti brand ambassador

Il percorso di formazione sull’uso strategico di LinkedIn per trasformare i dipendenti in “brand ambassador” si divide in 4 fasi:

FASE 1: Formazione sull’uso strategico di LinkedIn

FASE 2: Ottimizzazione del profilo LinkedIn dei dipendenti

FASE 3: LinkedIn content strategy

FASE 4: Gamification

Chi sono i brand ambassador?

Nella definizione classica, il brand ambassador è colui che sviluppa e mantiene un’immagine positiva dell’azienda tramite l’interazione con i consumatori (definizione sovrapponibile a quella influencer).

Il problema spesso è questo: se nemmeno i dipendenti, quando comunicano online, sostengono la comunicazione aziendale, perché dovrebbero farlo altri? Eppure le potenzialità della comunicazione online dei dipendenti è notevole: il pubblico che i dipendenti possono raggiungere sui social è 10 volte superiore a quello dei follower dell’azienda. Peccato che solo il 2% dei dipendenti condivida i contenuti aziendali (dati LinkedIn).

Perché LinkedIn?

Lo strumento ideale per trasformare i dipendenti in brand ambassador è LinkedIn. Il social network professionale per eccellenza conta oltre 14 milioni di iscritti in Italia. Spesso, però, il profilo viene aperto e trascurato dai dipendenti:

Questo rappresenta un duplice problema:

  1. dal punto di vista del personal branding del dipendente;
  2. dal punto di vista dell’azienda.

Nel secondo caso l’azienda, anche per questo, risulta “debole” su un social sempre più importante dal punto di vista commerciale, soprattutto in ambito B2B (dove contano molto le relazioni).

FASE 1. Formazione sull’uso strategico di LinkedIn

Il corso sull’uso strategico di LinkedIn in ottica aziendale, della durata di 8 ore, è pensato per raggiungere questi obiettivi:

  • Comprendere a che cosa serve LinkedIn in ottica personale ma soprattutto aziendale
  • Ottimizzazione del profilo a scopo personal branding
  • Posizionamento dei profili con le keyword giuste
  • Diventare brand ambassador dell’azienda

Il corso è strutturato in parte come lezione frontale e, soprattutto, come workshop (con tanto di esercizi con il metodo esclusivo LINKEDIN10C) per l’ottimizzazione del profilo.

FASE 2. La sistemazione dei profili (consulenza one to one)

Alla prima giornata di corso segue un’altra attività. Il formatore incontra nuovamente tutti i partecipanti al corso, questa volta separatamente. Si organizzano slot per incontri da mezz’ora (in presenza oppure online) durante i quali si sistema definitivamente il profilo, curandolo in tutte le sue parti: parte visuale, headline e job-title, riepilogo, posizioni lavorative, skill, progetti, contatti e soprattutto keyword, indispensabili per l’ottimizzazione SEO del profilo personale e di tutta l’azienda.

Tra il primo e il secondo incontro, ma anche nei giorni successivi alla seconda fase, i partecipanti al corso possono contattare il formatore in due modalità:
– sincrona (chat, videocall, previo appuntamento)
– asincrona (LinkedIn, mail, con risposte entro 24h)
In tal modo è possibile verificare quanto fatto durante e dopo il corso.

FASE 3. LinkedIn Content Strategy

Questa fase del corso è solitamente riservata a personale MAR-COM, ma consiglio venga estesa a tutti i potenziali brand ambassador dell’azienda. È previsto un workshop interamente centrato sulle strategie di contenuto su LinkedIn, finalizzate al content marketing così come al social selling, al networking e al recruiting.

Il workshop è pensato per raggiungere questi obiettivi:

  • Comprendere come funziona l’algoritmo di LinkedIn
  • Progettare strategie editoriali specifiche per LinkedIn
  • Costruire contenuti che funzionano
  • Padroneggiare il sistema O.P.E.R.A. ideato dal docente
  • Linkedin per il recruiting: alcune indicazioni sulla brand advocacy
  • Come trovare lead su LinkedIn nel settore B2B
  • Dimostrazione LinkedIn Sales Navigator

Il corso, della durata di 8 ore (distribuite in due mezze giornate), prevede diverse esercitazioni.

FASE 4. Gamification

Dopo la fase di sistemazione dei profili e di formazione sui contenuti, spesso le aziende lamentano uno scarso impegno dei dipendenti in termini di partecipazione online, creazione dei contenuti, sostegno della pagina aziendale.

Per favorire la creazione/condivisione di contenuti – utili in ottica posizionamento, networking e social selling – si prevede un percorso di sei mesi (rinnovabile) che prevede supporto ma soprattutto meccanismi di gamification: pungoli, incentivi e premi per creare e condividere post, articoli e contributi multimediali. Per incentivare la creazione di contenuti si definiscono punteggi diversi a seconda dell’impegno richiesto (articoli e video hanno un impatto maggiore, e più punti, rispetto a post e condivisioni) e dei risultati ottenuti (reazioni dei follower e commenti).

Il formatore monitora costantemente i canali aziendali, l’attività dei brand ambassador, e aggiorna la “classifica” settimanalmente. Al termine del periodo di sperimentazione vengono premiati i primi tre classificati (con premi messi a disposizione dall’azienda). Nella fase di sperimentazione i dipendenti possono contattare il docente per chiedere consigli e supporto nella creazione dei contenuti.

Si possono prevedere due incontri di follow-up: uno a metà sperimentazione (dopo 3 mesi dai corsi) e uno a fine sperimentazione (dopo 6 mesi).

Testimonianze

Scrivimi per informazioni sul percorso