Articoli

eBook gratis “30 errori da non fare su LinkedIn”: da oggi in PDF, ePub e formato Kindle

Gianluigi_Bonanomi_30erroriLinkedIn

LinkedIn è il social network professionale per eccellenza. Macina numeri importanti:

– 400 milioni di iscritti nel mondo;

– 8 milioni di profili in Italia;

– incalcolabili errori commessi da tutti.

Nessuno è immune: uso improprio dello strumento, foto profilo sbagliate, contenuti fuori target, profili scarni o non ottimizzati, keyword generiche e inutili, rete vuota o piena di contatti poco strategici e chi più ne ha…

Per celebrare la nascita di bee-biz, nuova business unit di Sangalli M&C dedicata al social media marketing, ho scritto un eBook pieno zeppo di suggerimenti per correggere quegli errori, trucchi per ottimizzare il profilo e dritte per ilpersonal branding e per il networking.

Potete scaricarlo gratuitamente in tre formati.

PDF 

Kindle (Amazon)

ePub

Buona lettura! 😉

 

 

eBook classici della letteratura: le tweet-trame e i link per scaricarli gratis

Nel libro 101 eBook gratis (oltre questo), dopo aver segnalato decine di testi contemporanei, mi sono divertito a riscrivere le trame di 18 classici, italiani e stranieri, in stile Twitter. Di seguito trovate i nomi dei libri, le tweet-trame e il motivo per cui vale la pena fare il download. Oltre al link per scaricare gli eBook (in italiano) aggratis!

Buona #lettura.

1_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-divina_commedia

LA DIVINA COMMEDIA di Dante Alighieri

Tweetrama: Un libro che è un #inferno. Ma anche un #purgatorio e un #paradiso.

Da scaricare perché: Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e conoscenza”. E quindi uscimmo a riveder le stelle: 5 su 5!

link

2_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-odissea

L’ODISSEA di Omero

Tweetrama: @Odisseo sta via un po’. Poi torna. #noalpitour

Da scaricare perché: Altrimenti si citano sirene, Circe, ciclopi e altro a vanvera.

link

3_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-giovanni_boccaccio,_il_decameron

DECAMERON di Giovanni Boccaccio

Tweetrama: 10 tizi e lo #storytelling

Da scaricare perché: Boccaccesco.

link

4_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-promessi-sposi

I PROMESSI SPOSI di Alessandro Manzoni

Tweetrama: @Renzo e @Lucia dovrebbero sposarsi? Ma #bravi.

Da scaricare perché: Non potete esservelo goduto a scuola, dai.

link

5_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-locandiera

LA LOCANDIERA di Carlo Goldoni

Tweetrama: @Mirandolina #gattamorta.

Da scaricare perché: Idea: provate, una volta, ad andare a teatro coll’eReader.

link

6_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-romeo-giulietta

ROMEO E GIULIETTA di William Shakespeare

Tweetrama: @Capuletti-@Montecchi 1-1. #tragedia

Da scaricare perché: “L’archetipo dell’amore perfetto avversato dalla società”. (Non è mia, ma di Wikipedia)

link

7_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-cuore

CUORE di Edmondo De Amicis

Tweetrama: #amorpatrio #rispetto #sacrificio #eroismo #carità #pietà #obbedienza #disgrazie

Da scaricare perché: Molti di noi sono cresciuti con l’altro Cuore, quello di Michele Serra. Non è proprio la stessa cosa.

link

8_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-pirandello

UNO, NESSUNO E CENTOMILA di Luigi Pirandello

Tweetrama: Cosa intendi per #storto? #crisididentità

Da scaricare perché: Per dirne una: Kurosawa, per Rashômon, si ispira a questo capolavoro.

link

9_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-verga

I MALAVOGLIA di Giovanni Verga

Tweetrama: Famiglia di #pescatori dal destino ineluttabile. #realismo #siciliabedda

Da scaricare perché: Io, da ragazzo, tifavo per il giovane ‘Ntoni. Ora? Dovrei rileggerlo.

link

10_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-alice

LE AVVENTURE DI ALICE NEL PAESE DELLE MERAVIGLIE di Lewis Carroll

Tweetrama: @Alice in #trip

Da scaricare perché: Il romanzo è, letteralmente, una partita a scacchi. C’è gente che l’ha rigiocata davvero.

link

11_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-6-pinocchio

LE AVVENTURE DI PINOCCHIO di Carlo Collodi

Tweetrama: @Pinocchio #burattino #piantagrane. @gatto @volpe @fatina @mangiafuoco

Da scaricare perché: Quantomeno per capire tutte le barzellette della fatina che implora Pinocchio di dire le bugie…

link

12_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-6-wilde

IL RITRATTO DI DORIAN GREY di Oscar Wilde

Tweetrama: Non invecchia @Dorian, ma il #quadro

Da scaricare perché: Pieno di citazioni che si sentono in giro ogni 2×3.

link

13_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-moscherrieri

I TRE MOSCHETTIERI di Alexandre Dumas

Tweetrama: Romanzo di #K e #spada

Da scaricare perché: Altrimenti ci vediamo, domattina, dietro al convento dei Carmelitani scalzi.

link

14_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-moby-dick

MOBY DICK di Herman Melville

Tweetrama: #Balena #monomania di @Achab

Da scaricare perché: “Roso di dentro e arso di fuori dagli artigli fissi e inesorabili di un’idea incurabile” (cit).

link

15_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-guerra-pace

GUERRA E PACE di Lev Tolstoj

Tweetrama: #Aristocratici #russi alle prese con l’invasione di @Napoleone

Da scaricare perché: È più di un libro. (Spesso sono due tomi)

link

16_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-delitto-castigo

DELITTO E CASTIGO di Fedor Dostoevskij

Tweetrama: Accoppare la #vecchia? [SÌ] [NO]

Da scaricare perché: Ti scava dentro, soprattutto dopo.

link

17_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-isola-tesoro

L’ISOLA DEL TESORO di Robert Louis Stevenson

Tweetrama: #mappadeltesoro #filibustieri #avventura

Da scaricare perché: Se non l’avete letto da piccoli, si può sempre recuperare. Se l’avete letto da piccoli, va riletto.

link

18_gianluigi-bonanomi-tweet-trame-baudelaire

I FIORI DEL MALE di Charler Baudelaire

Tweetrama: #poesia #spleen

Da scaricare perché: Se non amate la poesia, per ravvedervi.

link

 

Fulvio Reddkaa Romanin, “L’IVA funesta” (eBook gratis)

Wired mette a disposizione sul proprio sito l’eBook gratuito “L’IVA funesta. Lavoratori Dipendenti per scelta (altrui)“.
Scritto da Fulvio Reddkaa Romanin in modo brillante, risponde a molti dubbi dei neo-liberiprofessionisti.
Potete scaricarlo, liberamente e in formato PDF, a questo indirizzo.
Peccato manchino gli ultimi aggiornamenti sul regime dei minimi, che potete approfondire qui (Sole24Ore).

 

“Deep Web. La rete oltre Google” di Carola Frediani


Tra i corsi che tengo, ce n’è uno sul cercare on-line. Prima di iniziare a spiegare come usare i motori di ricerca, accenno sempre al fatto che il Web non è (solo) quel che si vede (che si trova). Il Web come lo conosciamo rappresenta solo la punta dell’iceberg, l’1% delle risorse disponibili. Solo che le altre non possono essere raggiunte (“La prima regola del Deep Web è che non si parla del Deep Web”) se non si conosce il link diretto, se non si naviga anonimamente (mai sentito parlare del software Tor?).
Se volete fare un viaggio in quel mondo sommerso dovete leggere assolutamente il libro “Deep Web” (Quintadicopertina) di Carola Frediani, giornalista esperta di cultura digitale. Non si tratta di un racconto alla Verne (anche se ne ha, per certi versi, il fascino), ma una vera inchiesta (come quelle di una volta, signora mia!) un reportage giornalistico che presenta personaggi, storie e luoghi dell’Internet sconosciuta, pericolosa e inquietante. Un “universo parallelo” fatto di spaccio, truffe, furti telematici e addirittura di pedofili e terroristi. Ma – altro lato della medaglia – è anche un luogo (non luogo?) dove essere liberi (uno spazio di espressione senza censure) e dove essere attivi (hacktivi). Il libro ci presenta personaggi e storie assolutamente fuori dagli schemi: imperdibile, secondo me, la storia di Silk Road (il sito n. 1 per lo spaccio di droga, ora chiuso). Molte le interviste ai protagonisti che, coperti dall’anonimato, rivelano il loro modus operandi.
Al di là dei contenuti, Deep Web è un gran bell’eBook. Ben curato, ma soprattutto innovativo: è infatti il primo libro elettronico italiano “auto-aggiornante” (in questa versione). Oltretutto il libro è acquistabile con la criptomoneta bitcoin e parte del ricavato delle vendite sarà devoluta a Privacy International.

Il libro su Amazon:

“Quando i libri vanno in Rete” di Claudia Consoli

Questo pratico libro (117 pagine, 9,90 euro), edito da “Editrice bibliografica” (collana I libri di Wuz) e scritto dalla blogger di CriticaLetteraria Claudia Consoli, rappresenta un ottimo strumento per comprendere il rapporto libri-Internet. Partendo dai soggetti che proficuamente possono sbarcare sul Web (non solo autori e lettori: anche editori, bibliotecari, librai e lit blogger), si analizzano tutti gli strumenti e le opportunità di interazione, social compresi. E non solo quelli verticali come aNobii e Zazie: Twitter per parlare coi fan, Instagram per svelare i dietro le quinte degli eventi, Facebook e Pinterest per far circolare immagini e citazioni, YouTube per far sì che i protagonisti del mondo letterario ci mettano la faccia.
Non mancano le “best practice”: dai tweet letterari di @twitteratura alle strategie social di Penguin, dai video de “La stanza dell’editor” di Mondadori alla pagina Facebook di Libreriamo. Completano il libro molte interviste interessanti (per esempio Libreria Open di Milano (ci sono stato: davvero un bel posto!), BookRepublic e ISBN Edizioni). Non mancano le sorprese: ammetto che non conoscevo l’app Hi (per creare una mappatura narrativa del mondo) e Whims (l’Insagram delle parole).
Buona lettura, in tutti i sensi.

Compralo su Amazon:

Microsoft regala centinaia di eBook

Da qualche anno Microsoft regala eBook: i titoli disponibili sono ormai 300, nei formati classici come ePub, PDF e Mobi. La notizia è che questi libri sono stati scaricati un numero impressionante di volte: 3,5 milioni di download!
Di che cosa si tratta? Sostanzialmente di titoli di approfondimenti, manuali e passo a passo, su singoli servizi e prodotti – da Windows 8.1 a SharePoint, da Office 365 a OneNote e altro ancora – tutti in lingua inglese. Per scaricarli collegatevi all’indirizzo Web http://ligman.me/1oJW7v0. Corrisponde alla pagina di Eric Ligman, Microsoft Senior Sales Excellence Manager: colui che si occupa di collezionare e rendere disponibili tutti i titoli.

Curation Nation

Curation Nation di Steven Rosenbaum è un libro che tratta della “content curation”, la cura dei contenuti. Ne ho parlato nella decima puntata di TechRadio, dal minuto 20:

Prendere in prestito gli eBook

Anche le biblioteche si stanno evolvendo verso il digitale: grazie al servizio “Media Library On Line”, permettono di scaricare i libri elettronici.

A San Antonio, in Texas, è nata qualche mese fa la prima biblioteca senza libri. O meglio: senza libri cartacei. “Bibliotech”, questo il nome evocativo dell’iniziativa, ha un catalogo di diecimila eBook ed offre un servizio online di consultazione dei libri elettronici, che permette di richiedere testi da casa; ciononostante si tratta di un locale popolato, da addetti e clienti.

In Italia non si registrano ancora iniziative del genere. Ciononostante le nostre biblioteche si stanno dimostrando al passo con i tempi, e puntano forte sull’eBook e su altri contenuti digitali e multimediali. Il progetto MLOL, che sta per “Media Library OnLine”, www.medialibrary.it/, è il primo network italiano di biblioteche digitali pubbliche. Il servizio che permette agli utenti delle biblioteche convenzionate di accedere, gratuitamente, a quotidiani, riviste, audiolibri, banche dati, materiale multimediale e, appunto, libri “paperless”, senza carta.

Come funziona MLOL

Il funzionamento del network è tutto sommato semplice. Per accedere a MLOL occorre verificare, prima di tutto, che la propria biblioteca, o meglio il proprio sistema bibliotecario, aderiscano al progetto. La cosa è facile da scoprire: sulla home page delle biblioteche convenzionate si trova il link per l’accesso a MLOL e il relativo logo.

Per usufruire del servizio è sufficiente inserire le stesse credenziali che si usano per accedere al sito della biblioteca. Una volta dentro, grazie al menu Home, è possibile accedere a tutti i contenuti digitali. Ce ne sono diversi: tra questi si trova anche la voce “eBook”. Che dà accesso a tre sottocategorie diverse: “eBook liberi”, che non richiedono prenotazione e prestito e che possono essere scaricati tranquillamente perché senza diritti o perché classici o, ancora, perché distribuiti con licenze open. Poi ci sono i libri consultabili on-line, che non richiedono download. Infine, finalmente, ci sono quelli da scaricare: è qui che si trovano le novità.

Il download dei libri

Non tutti i libri, come vedremo più avanti, sono sempre disponibili: la biblioteca ne acquista tot licenze, e il meccanismo emula il “vecchio” prestito di copie fisiche; si va ad esaurimento scorte… Per andare sul sicuro e iniziare a provare il servizio, conviene dare un’occhiata alla lista “Disponibili ora”. Scelto il titolo, che dopo il download si avrà a disposizione per le successive due settimane, basta aprirne la scheda e fare clic sul link “Scarica eBook”. È anche possibile aggiungere un libro ai preferiti, se si pensa di richiederlo in seguito.

Non sempre il download parte subito. Il sito potrebbe avvertirci che il libro è protetto da DRM Adobe: vedi il riquadro a parte. A volte i formati disponibili non si limitano al solo PDF, che in realtà si palesa come file temporaneo ACSM che porta al download “protetto”; spesso è possibile scaricare l’ePub: formato che, oltre a essere “aperto”, a differenza dello “statico” PDF, è caratterizzato dalla paginazione dinamica; risulta ideale per chi legge su dispositivi mobile e, soprattutto, eReader.

Una volta completato il download, la pagina personale del portale MLOL riporta l’affitto andato a buon fine, e la data di scadenza, dopo la quale non si potrà più aprire il libro.

Il prestito interbibliotecario

Visto che i contenuti non sono più costretti in supporti, sono digitali e non devono più spostarsi “fisicamente” da una biblioteca all’altra, la naturale evoluzione del prestito bibliotecario degli eBook è quello interbibliotecario: un servizio che, di conseguenza, permette a ogni cliente di accedere a una collezione molto più ampia. Il servizio nasce da un accordo tra MLOL, bibliotecari ed editori per sperimentare un modo più efficiente di far circolare gli eBook tra le biblioteche italiane. Una sperimentazione che si concluderà a fine aprile: talmente innovativa che non ha eguali in altri paesi del mondo.

Leggere i giornali

Non solo eBook. MLOL permette di accedere a “Press display”, portale con circa 1400 giornali on-line di tutto il mondo. Per l’Italia sono consultabili, tra le altre, le testate Il Sole 24 ore, La Stampa, La Repubblica, Il Giornale, Il Messaggero, Il Mattino, la Gazzetta dello Sport. Tra la stampa estera: The Guardian, The Daily Telegraph, The Indipendent e molti altri. È inoltre disponibile la rassegna stampa di VoloPress. Una nota: i giornali non possono essere consultati da tutti contemporaneamente, dipende dalle licenze acquistate dalla biblioteca.

Le biblioteche convenzionate

L’elenco delle biblioteche convenzionate, quasi 3000 in tutta Italia, è disponibile sul sito di MLOL. Per maggiori informazioni è anche disponibile l’opuscolo in PDF in download a questo indirizzo: www.medialibrary.it/adm/UserFiles/file/opuscolo_MLOL201401.pdf.

Non solo prodotti da leggere

In prestito, su MLOL, non si trovano solo libri e giornali, ma anche file da ascoltare e vedere. Si parla di audiolibri ma soprattutto di musica. Sia libera, da scaricare perché priva di copyright, che in streaming. La maggior parte dei brani sono di musica classica.

Si trovano anche video: un’ampia collezione di film storici, documentari, filmati originali di eventi e manifestazioni. Non mancano banche dati, immagini e corsi online.

Gli Adobe DRM

DRM è l’acronimo di “Digital Rights Management”: gestione dei diritti digitali. Dietro la sigla stanno le tecnologie anticopia in ambiente digitale. Un’opera con DRM, infatti, è tracciabile ed è quindi possibile controllarne la diffusione. Difficile copiarla, quasi impossibile piratarla. Diciamo “quasi” perché proliferano, online, i sistemi di eliminazione dei DRM, ovviamente illegali. Esistono diversi tipi di DRM, tra cui il DRM Adobe e il Social DRM, entrambi in uso su MLOL. Se il secondo tipo non richiede particolari procedure per l’apertura dei file, ma contrassegna semplicemente il documento, che riporta le credenziali di chi prende in prestito il libro, il primo è più “ostico”. Per questo, infatti, occorre ottenere un DRM Adobe, iscrivendosi all’indirizzo www.adobe.com/it/account/sign-in.adobedotcom.html, e occorre scaricare un visualizzatore, sempre di Adobe, chiamato Digital Editions, a quest’altro indirizzo

www.adobe.com/it/products/digital-editions/download.html.

L’eBook con DRM Adobe può essere letto su iPad, iPhone, dispositivi con sistema operativo Android e molti eReader. La lista completa di tutti i dispositivi compatibili, che al momento non comprende il Kindle, è disponibile sul sito di Adobe.

 

Made to stick: quali storie funzionano?

Qualche anno fa (2007) Chip Heath scrisse il libro “Made to stick”, ancora attualissimo. Non si trova in Italia, né in italiano, ma grazie alla Rete e agli eBook lo possiamo comprare con un clic (vedi in fondo). Il tema? Come si creano idee e storie che funzionano, storie che rimangono impresse. Cosa che, nell’era dello storytelling, serve non solo per chi fa il copywriter, ma anche per chi lavora nella pubblicità, nel marketing, ma non solo.
Heath parte dalle storie di maggior successo e ad alto tasso di viralità: le leggende metropolitane. L’esempio più citato è la storia del tizio che si risveglia una mattina senza un rene (The Kidney Heist). Perché quelle storia, in apparenza assurde e incredibili, restano in mente? L’autore propone una formuletta, con 6 principi, individuando la caratteristica delle storie di successo.

1. Semplicità (Semplicity). Chiaramente le idee espresse devono essere semplici ma pregnanti, profonde. Vedi i proverbi: storie semplici, ben congegnate, che durano nei secoli.

2. Spiazzanti (Unespectness), prendere in contropiede le aspettative di chi ascolta.

3. Idee concrete (Concreteness). Niente astrazioni, devono evocare immagini concrete.

4. Idee credibili (Credibility). Le storie devono essere quantomeno verosimili.

5. Emozioni (Emotions). Devono far leva sulle emozioni.

6. Storie (Stories). Alle persone piacciono le storie. Dalla notte dei tempi. Fin da piccoli. Le cerchiamo nei libri e nei film. Ce le rifilano, nella pubblicità, anche per venderci i prodotti. Le storie sono esperienze altrui che potrebbero tornarci utili.

Usando le iniziali, in inglese, di queste 6 caratteristiche si ricava l’acronimo SUCCES. Manca una S, alla fine, ma va bene così. Insomma, le storie che restano impresse sono comprensibili, ci colpiscono e sono facili da ricordare.

Su RadioTech

Ho parlato del libro durante l’ottava puntata di Tech Radio.
Potete ascoltare il mio intervento, dal minuto 18′ e 30 secondi, qui:

Ne ho parlato anche a “Tech and the city” (7Gold) il 22 giugno 2014:

Acquista il libro su Amazon:

700 eBook gratis dall’Università della California

eBook

La collezione degli eBook dell’University of California Press, testi pubblicati dal 1982 al 2004, è ora accessibile liberamente a tutti.  Si tratta di oltre 700 titoli, in continua crescita: tutti i nuovi titoli che saranno pubblicati in futuro saranno scaricabile gratuitamente. Dove e come? Il sito di riferimento è http://publishing.cdlib.org/ucpressebooks. I libri possono essere cercati in base al soggetto: tantissimi i titoli che si occupano di storia, e in particolare di storia americana e californiana, del West in generale. Ma non mancano i libri su religione, letteratura e studi internazionali, con particolare riferimento a Medio Oriente, Asia e Francia.
Per avere la certezza di consultare libri “liberi”, occorre impostare il menu Show su “Public access books”. L’unico problema è che i libri non possono essere scaricati per la lettura su eReader o tablet. Devono essere consultati on-line.